De Amor

Oggi voglio scrivere off-topic, su una materia trattata più e più volte, in tutte le lingue e in tutte le salse e sulla quale nel mio piccolo e nella mia inesperienza ( non sono mai stata una ‘conquistadora’ sebbene molti credano il contrario) vorrei dire come la penso : l’amore.
Vi chiederete perché? Perché nella mie ormai sveglie giornaliere alle 4 per riaddormentarmi mi capita di leggere gli sproloqui notturno/serali dei vari personaggi su Facebook e penso… Penso a quanto sia stata fortunata ad aver vissuto il fenomeno Facebook/Amore/StorieFinite per il rotto della cuffia.
Per fortuna quando successe a me c’era ancora in voga Myspace e non era proprio da tutti, oggigiorno invece FB è invece alla portata di chiunque ci manca solo che lo abbia mia nonna e siamo a posto! 😉 Ma non è sul social di per se che voglio soffermarmi quanto su un episodio di storia finita di una persona a me molto cara, dove rivedo molti errori ed esperienze che ho vissuto anche io in passato.

NB : potrei risultare cattiva e cinica, non voglio offendere nessuno, ma semplicemente rifletterci su.

Credo che l’amore sia un sentimento che va mantenuto vivo, che va alimentato di continuo, dove sedersi è sbagliato, un sentimento che va cresciuto, allevato, istruito, sperimentato…quasi come un figlio. Ho visto storie finite per colpa di un altro/a. Tante. Anzi oserei dire il buono 80%,  non prendiamoci in giro.
Ma siamo proprio sicuri che sia una colpa, una cattiveria o una conseguenza? Io col senno di poi dico che è una conseguenza. Mi riferisco ovviamente a storie serie, non a storielline di mesi che sfociano nell’immediato nel tradimento, quello non lo considero amore.

Nelle lunghe storie spesso uno dei 2 partner non fa niente per tenere viva e accesa la fiamma, iniziando a comportarsi da vero ‘zerbino’, idolatrando il compagno e seguendolo come un cagnolino fedele in tutto e per tutto. Se il partner dice che il bianco è nero, per lui/lei il bianco diventa tutto d’un tratto nero. Il rapporto cane/uomo è si un amore incondizionato, ma che non ha niente a che vedere con quello di coppia. A volte la gente prende questo sentimento come totale prostrazione e devozione. NO. Non è così!
Ci può stare che nei primi tempi si cerchi di essere entrambi accondiscendenti, permissivi, che si cambi un pochino, ma poi a un certo punto bisogna fare i conti con la vita, mostrarsi per come si è realmente. Con i propri pregi e i propri difetti, che, senza ombra di dubbio si possono smussare e rimanipolare insieme, ma di cui bisogna comunque metterne il partner a conoscenza. Chi non lo fa perde in partenza.

Come perde anche chi non vuole mai condividere niente con l’altro/a. Spesso questo accade se c’è un consistente divario di età. Il ‘giovane’ vuole farsi le sue esperienze condividendole con l’amato/a, il ‘senior’ è ormai un uomo/donna di mondo e lascia andare il ‘giovane’ credendo di fare il saggio. Ma si, va e scopri i mondo da solo, io ormai so già tutto. Poi però non lamentarti se scopre il mondo in compagnia di altri e soprattutto scopre che la cosa è anche più bella se condivisa.
In amore bisogna combattere, affilare le unghie, tenersi stretto quel che si ha se si crede che sia veramente amore. Le persone passive perdono l’amore. E a fine relazione non si fanno un esame di coscienza per capire, perché è più facile dare la colpa al terzo/a incomodo che a differenza sua ha lottato fino all’ultimo per prendersi ciò che amava.
E ce l’ha fatta.
Il passivo d’oggi poi con i social diventa davvero patetico. Non mi dilungo oltre nella riflessione a voce alta, ma ragazzi miei imparate a lavare i panni sporchi a casa vostra non su internet.
Sfogatevi con gli amici, piangete, ma non fatevi compatire sui social, dove gente che non sa niente di voi e della vostra storia sputa sentenze gratuite.
Just sayin’, riflettete su tutto quello che è stato e imparate dai vostri errori.

Peace & Love 😉

FL

Annunci

5 pensieri su “De Amor

  1. Ciao. Ottimo spunto di riflessione 👍
    È vero l’amore è come un orto, va coltivato con amore, passione e costanza altrimenti le erbacce faranno presto capolino. Certo è che, oggi più di ieri, è “difficile” mantenere salda una relazione, per svariati motivi. Le persone sono cambiate moltissimo, non ci si sacrifica più per l’amore ma si è solo egoisti. Due egoisti non potranno mai fare una coppia. Poi subentrano le variabili palestra/aperitivo/siti di incontri/facebook&co/ecc…. Insomma le distrazioni sono dietro l’angolo. Se una persona non è “sana”, ben presto tradirà.
    Per quanto riguarda il social e chi ci piange sopra, un bel no comment. Io son felice di non avere un profilo, sai che noia sorbirsi tutto di tutti? Che poi “ma chissenefrega” ce lo mettiamo?
    A presto, complimenti per il post.

    • Grazie Francesca! Già, hai detto una grossa verità, ai giorni d’oggi è anche molto più facile ‘cadere in tentazione’. Ma ci si cadeva anche in passato, io ho vissuto le 2 ere, ma con la persona giusta non ho mai sentito necessità di allontanarmi o far peggio per fortuna 🙂

      • Vero, sei hai accanto la persona che si fa amare, e viceversa tu permetti al partner di amarti, sempre, nessuno tradirà. Ma, essendo giovane, vedo tanta frivolezza.

  2. A me semplicemente sembra tutto molto complicato e figlio della società che cambia. Anche i rapporti con le persone sono figli della storia secondo me. Stanno prendendo una piega pessima anche le amicizie per quanto mi riguarda…comunque…Andando sul particolare, non ci ho ancora capito niente se non che ogni coppia racchiude un mondo talmente complesso fatto di equilibri, di lasciate e perse, di compromesso, di battaglie, di piccoli passi che nessuno da fuori dovrebbe parlare. L’amore sta bene nel silenzio, nella complicità e non può essere continua lotta o almeno io non ce la posso fare. Io mi ci voglio sentire anche cullata nella coppia e voglio che anche l’altro ci si senta sicuro. Se basta Facebook, la palestra, l’aperitivo…allora ciao, meglio senza di te che con te! 😉
    Anyway la tua spontaneità mi ha colpita, cara mamma, carino il tuo “fuori onda” 🙂

    • Guarda io con l’avvento di Facebook ho perso anch’io delle amicizie, o meglio rapporti che credevo tali. Sono riuscita a fare cernita però delle persone vere e di quello che mi erano amiche per convenienza (un po’ come quando rimani incinta e vedi molta gente allontanarsi).
      L’amore, quello vero deve rimanere fuori dai social e il più delle volte lo rimane. Io e mio marito difficilmente facciamo ‘pubblicità’ del nostro amore 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...