The final countdown to …Gilmore Girl’s!!!

Ci siamo ! Mancano solo 2 giorni e uno dei telefilms che mi hanno lettelamente stregata (dopo Twin Peaks) uscirà con una nuova (ultima? Chissà…) stagione : le Gilmore Girls!
Il 25 novembre, se riuscirò a non addormentarmi alle 20.30 prima di mio figlio vorrei provare a fare la maratona e vedermelo tutto di un fiato.
Sicuro.
So già che alle 9 mi addormenterò come una pera, ma stavolta quando mi risveglierò alle 11 circa per riporre gli occhiali sul comodino e coprire Pinino, che puntalmente sara girato sottosopra e scoperto, mi rimetterò gli occhiali, accenderò l’iPad, metterò le cuffie e guarderò almeno la prima puntata!

Dopotutto aspetto questo momento da quasi 10 anni. L’ultima serie delle Gilmore Gilrs è poi legata a un periodo importante della mia vita : quella in cui ho trovato il mio ‘Logan’ diciamo, colui che poi è diventato mio marito e padre di mio figlio.

Sia ben chiaro, io poi sono #teamJess forever!
Ma in quel periodo della mia vita io sono passata dal ‘Dean’ al ‘Logan’.
Forse sono #teamjess perchè mi è mancato quel passaggio, ma va benissimo così, resto col dubbio e tifo per lui!

Se penso che anni fa avrei organizzato per la premiere un cena sul divano con pizza surgelata, sushi, patatine, birra e dolci …ma i tempi sono cambiati. Eccome!
Oramai non sono più una Rory, ma sono una Lorelai…o una Emily??
Ora che sono mamma, mi chiedo spesso come sarò.
Una mamma Lorelai sarebbe fantastico, ma mi manca prima di tutto la poca differenza di età ( tra me e Dennis vanno 33 anni di differenza e non 16 come tra le Gilmore) e sinceramente non so se ne sarei in grado e quanto potrei essere ridicola in questa veste.
Fare la ‘mamma per amica’ è un arma a doppio taglio, è un po’ come avere in mano una pistola senza aver mai sparato prima d’ora, non si sa mai come si potrà gestire il rinculo 😉
Ecco perchè preferisco rimanere ancora un po’ nell’indecisione. Essere sua amica nel gioco, ma giocare la famosa ‘mom card’ per i capricci … laddove possibile ovviamente. Pinino ha solo 2 anni quindi i suoi capricci sono tantissimi, ma non sono ancora quelli di un sedicenne e me la posso cavare con poco.

Non ci resta quindi che iniziare il vero countdown per rimmergermi nuovamente nella bucolica Stars Hollow e nei suoi bellissimi e variegati personaggi.

FL

PS. Non è un post sponsorizzato da Netflix, sono € 9.90 ogni 25 del mese ^_^

Casa mia è il nuovo Lazzaretto


Casa mia è il nuovo Lazzaretto.
Seriamente, ma quanto dura l’assimiliazione di tutti i batteri/virus del nido?
Qualcuno ne ha idea? Andrà avanti un anno così? E sarà solo per un anno? Riusciremo a passare un week end sereno potendo anche uscire magari? Che ne so, una spesa, una passeggiata…
L’aerosol è ormai un complemento d’arredo invernale, sta nel suo sacchetto sulla sedia della cucina e da li non si schioderà fino all’arrivo della primavera credo, un po’ come quando si tira fuori il centro tavola natalizio.
La soluzione fisiologica è presente sotto ogni forma : bocce di vetro, contenitori in plastica da 2.5 e 5 ml, i suoi vuoti sono seminati per tutta casa. Mio figlio oramai se la beve addirittura, ne va ghiotto, pensate che si fa fare i lavaggi nasali ‘quasi’ senza far storie per potersi bere i rimasugli del flaconcino…
Abbiamo qualsiasi tipo di medicinale omeopatico e non in esposizione sul banco della cucina, da qualche giorno ho appeso una croce luminosa verde fuori dalla porta di casa.
Ieri mattina per prendere la linea con la pediatra, che riceve telefonate per gli appuntamenti solo dalle 8 alle 9, ho effettuato ben 65, ripeto ‘sessantacinque’, tentativi di chiamata. Poi sono andata alla caserma dei carabinieri e mi sono autodenunciata per stalkeraggio.
Ho dovuto fare anche 9 chiamate al nido prima di trovare libero e avvisare che Dennis sarebbe stato assente.
La notte è sempre un’incognita in casa Pini, è un rave party tra colpi di tosse, controllare che sia coperto, bere acqua, sentire se scotta, recuperare ciucci, farlo dormire in posizione eretta quando respira male, multivision della Pimpa dal cellulare per placare gli attacchi di pianto inconsolabile…

Sabato scorso abbiamo comprato il costume di Halloween e lo scherzetto è arrivato magicamente : 39 di febbre! Così ci siamo travestiti in casa, facendoci dei grossi ‘Boooo’ da dietro le porte delle stanze. Inutile dire che tutti i nostri bei progetti sono stati messi da parte coi dolcetti.
La sera di Halloween volevo fare una maratona di film horror. Alle 9:30 stavo già ronfando distrutta…
Pasteggiamo aa latte e muffin, se prima mangiare frutta e verdura era un’impresa epica ora é solo un utopia.
Papà ha la tosse, nonno ha l’influenza.
Oramai vige l’anarchia.

E come citava il libro del maestro D’Orta : io, speriamo che me la cavo.

FL