Ultimi

Dopo mesi di lungo e voluto silenzio sono tornata, forse.
Sono tornata con un nuovo bagaglio, la mia piccola Luna, nata allo scoccare della trentanovesima settimana, puntuale come un orologio svizzero (Dennis era nato a 39+1, Luna a 39 esatte!).
Ho avuto una gravidanza più faticosa rispetto alla prima; la stanchezza era troppa, la sciatica mi ha quasi costretta a casa nell’ultimo mese, lo stomaco ribaltato e la nausea non mi hanno MAI abbandonato fino alla sala parto, come un fedele segugio.
Ma se la gravidanza è stata più dura il parto in confronto al primo è stato una passeggiata. Santa epidurale, santa davvero.
Cosi alle 9:57 del 19 gennaio dopo solo un’ora e mezza di spinte (e zero manovre stavolta) è arrivata Lunina, bella come il sole, un’urlatrice nata, 3.2 kg di amore, morbidezza, sorrisi e carattere.
E l’avventura è ricominciata, da capo. Non nascondo che i primi 2/3 mesi sono stati un po’ duri. Un piccolo per casa c’era già, la donnina di casa ha il suo bel caratterino, le colichette persistenti fino al terzo mese, la stanchezza era tanta e il fisico non più così prestante come 4 anni fa.
Ma ce l’abbiamo fatta e ora all’alba degli 8 mesi siamo quasi equilibrati e felici, ma già con il magone che questo idillio ci verrà portato via il primo di Ottobre. Non si è mai pronti per il rientro e per il distacco.
Dopo questi mesi lunghi, duri, ricchi di emozioni forti non riesco nemmeno a pensare di dover ritornare alla vita di prima, alla vita senza tempo. Perchè diciamolo, la storia del tempo di qualità noi non ce la beviamo proprio, è un po’ come la corazzata Potemkin per citare il ragionier Fantozzi.
Il tempo di qualità non ci regalerà mai lenti risvegli, sorrisi mattinieri, bagnetti coccolosi, passeggiate al parco, sonnellini abbracciati. No.
Il tempo sarà tiranno, poco, dedicato un po’ a cucinare, un po’ alla casa e un po’ ai figli, perchè le cose non si fanno da sole e i figli devono mangiare.
Il tempo sarà stanco dopo 6 o 8 ore di lavoro, un’ora di corse nel traffico, di sorrisi forzati, di mal di testa.
Il sonno mancherà sempre di più, bisognerà rinunciare a un po’ di sonno in favore dei bambini, ma rinunciando al sonno si rinuncia a un po’ di pazienza e allora il tempo diventerà meno di qualità. E’ un gatto che si morde la coda.
Ma è inevitabile d’altronde, prima o poi bisogna uscire dalla nostra bolla ovattata, anche se si sta così bene qui.
Siamo stati meravigliosamente, siamo stati tanto al mare. Siamo stati così bene che penso seriamente di trasferirmici prima o poi. Chissà quando mai mi ricapiterà di potermi svegliare per 2 mesi di fila con i miei bambini e il mare.
Già, perchè sicuramente questa è stata l’ultima maternità. L’ultimo pancione. L’ultimo periodo a stretto contatto con i miei bimbi.
La parola ‘ultimo’ fa quasi paura, fa paura la consapevolezza che certi momenti non torneranno di nuovo. Anzi sono tornati con Luna e sono già volati via come un razzo, sebbene questa volta avevo la consapevolezza di tutto rispetto alla prima gravidanza.
Ultimo, come questo week end prima di riprendere pian pianino in mano la mia vita e lasciar crescere i miei bimbi.
In bocca al lupo a me e ai miei cuccioli
FL
hereigo

Annunci

Corri Dennis, corri!

Signore e signori! Attenzione! Annunciazione!
Pinino cammina!!!
Non so se ridere o piangere, ma da ieri mattina viaggia che è una meraviglia!
Sta sulle sue gambe, un po’ ballerino, un po’ ubriaco, ma si è lanciato.
Novembre : il mese delle novità, il primo dentino, mamma cambia lavoro, si cammina, mancano ancora 12 giorni cos’altro devo aspettarmi????
Fino a qualche settimana fa vedevo questi traguardi come una cosa lontana, non che me ne facessi un cruccio, ma mi ero abituata al fatto che Dennis avesse i suoi tempi.
Mi ha sbalordito nel giro di 10 giorni!
Ci manca solo che impara a mangiare da solo e poi non gli servirò più 😉
È bello comunque vederlo camminare, così piccolino, sembra un folletto. Lui è così felice della sua nuova conquista, non smetterebbe mai di camminare, se lo prendo in braccio per farlo mangiare o cambiarlo piange e si offende. Ogni tanto cerca la mia mano, soprattutto quando deve ‘esplorare’ posti nuovi o se deve farmi scoprire nuovi giochi, come schiaffeggiare i porta candele (cari soprammobili io ve lo dico : avete vita breve!).
Il mio ometto. Cresce, cresce e non faccio nemmeno in tempo a realizzarlo.

Bene, è il caso che ora smetta di scrivere mi dedichi a rincorrerlo!
FL

Progetto-Primi-passi

Fare, fare, fare : il verbo della mamma.

Ho talmente tante cose da fare che non so se ne uscirò integra da questo periodo.

Il periodo che separa me dal 29 marzo, il giorno del mio ipotetico rientro al lavoro. Già, perché il momentaccio si avvicina sempre più, nonostante sia anche riuscita a ritardarlo di 2 settimane grazie alle mie 9 settimane e mezzo di ferie arretrate. Manca davvero poco e non credo di essere pronta.

Devo svezzare per benino Dennis. Poi dire DEVO è la cosa più sbagliata in assoluto. È lui che deve essere pronto a cominciare a mangiare qualcosa di diverso dalla tetta. Anche se sono partita con i migliori propositi per l’autosvezzamento ho cominciato a fargli assaggiare qualche pappina, tutto rigorosamente Home Made col santo Bimby. Per ora sta gradendo tutto, abbiamo assaggiato pesce, tacchino, verdura, frutta, tutto di stagione. Mi mancano le uova e i legumi, magari settimana prossima lo proviamo. Nel frattempo durante le poppate notturne cerco di leggermi ‘W la pappa’ e ‘Io mangio come voi’. Con lo svezzamento i miei amati tempi di lettura durante le poppate sono esponenzialmente diminuiti, ma troverò un altro modo…forse.  

Ogni pasto si sta trasformando nella terza guerra mondiale, bombe, sputacchi, cucchiaini lanciati ovunque. Dennis si diverte un mondo e anche io. Mi diverto un po’ meno quando devo pulire tutto…

Abbiamo ricominciato o ad andare in piscina sperando di esserci fatti abbastanza anticorpi e non riammalarci di nuovo e sperando che nel frattempo qualche bambino non abbia da trasmetterci qualche nuovo malanno. 

Abbiamo fatto la seconda dose di vaccino e pare che Pinino abbia reagito bene, niente febbre, solo un po’ di noia.

Ogni notte si cerca di abituarlo a dormire sempre più nel lettino : la prima sera è stato un successone, dalle 10:30 alle 5! La prima sera. Le altre sere si arriva a mezzanotte e mezza, massimo  l’una dopodiché spalanca gli occhi e…gioca! Scalcia, urla, si rigira… Lo metto nel lettone abbracciato a me e taaaac si addormenta. Voi direte ‘rimettilo nel lettino’ …peccato che mi addormento prima io di lui. Ma io tengo duro. E ogni tanto me lo riprendo anche nel lettone senza passare dal lettino, come stanotte che abbiamo scacciato Papone e non ho dormito neanche così tanto e bene.

In tutto questo dovrei trovare qualche oretta per me, farmi disboscare, giusto per non rientrare in società come un australopiteco, ma come una persona dalle parvenze femminili. Per ora in piscina ci vado con i calzettoni, che tolgo solo nel momento in cui metto su l’accappatoio lungo fino ai piedi…pazienza…potrei mettere una muta da sub, ma non avrei neanche la scusa che l’acqua è troppo fredda perché è riscaldata. Ogni tanto si vede qualche genitore che annega perché si impiglia nelle mie liane, ma io e Dennis ci buttiamo prontamente per salvarli!

Ma ora…ora siamo sulla A1 in direzione mare!!! *_*

È questo il motivo per cui sto scrivendo un post : Pini dorme, il nonno guida e io non devo fare mestieri, preparare pappine o fare qualsiasi altra cosa! Fa niente che la macchina è scomoda e dobbiamo fare 500 km ma mi sto riposando! Davvero! 😉 

Non vedo l’ora di vedere la faccia di Dennis quando vedrá il mare ❤

Ci risentiamo fra qualche anno luce!

FL

Svezzamenti vari : dalla nanna al cibo

Eccoci, la nostra salute pian pianino migliora, magari questo sabato riusciremo anche a festeggiare il carnevale. Certo che se Dennis ha preso da me, siamo a posto : praticamente non ricordo di aver festeggiato quasi mai un carnevale senza la febbre.
Siamo un po’ stufi di starcene in casa, le uniche uscite consentite sono state andare dal medico, andare dai nonni (500 mt percorsi in macchina per giunta) e per finire ‘udite udite’ la spesa all’Esselunga il giorno di San Valentino…ci vorrebbe proprio una bella passeggiata al parco o comunque all’aria aperta per svagarci.

Pinino in questi giorni ha imparato a rotolarsi sulla pancia e viceversa cosicché 3 giorni fa il nostro primo tentativo di farlo dormire nel lettino é andato, anche lui, a rotoli. Alle 10 fa la sua poppata, si addormenta secco, io mi alzo molto delicatamente lo metto giú e tac! Occhi spalancati, comincia a giocare e a rotolarsi nel suo lettino.
L’altro ieri sera abbiamo provato facendolo addormentare in braccio per poi metterlo nel lettino, ma niente, appena giù comincia la festa. Idem ieri, che tra l’altro è stata anche serata di capricci furiosi perchè non ne può più di fare lavaggi nasali e prendere antibiotici amari come il fiele.

Credo che l’errore piú grande stia nel fatto che ha scambiato il letto per un box giochi. Di giorno spesso e volentieri sta li dentro ad ascoltare le apine e i carillon vari, coni suoi orsacchiotti, ma effettivamente ci ha dormito una volta sola perchè lo metto ancora nella culletta a dormire.
Il sacco nanna non lo puó vedere, quindi per lui il lettino è diventato un momento di svago. Errore nostro? Può darsi, sicuramente d’ora in poi sarà messo li dentro solo per dormire, io credevo di far cosa gradita facendogli prendere confidenza per gioco, ma mi sono sbagliata 😉
Comunque ci riproveró, ogni sera, fino a quando non avverrà la magia. Spero solo di non aver giá troppi capelli bianchi per quel giorno 😉
E se proprio quel giorno non verrà presto continueremo a dormire in 3 nel lettone…anche se ora lui si allarga parecchio, ma ho voluto la bicicletta e ora pedalo! ^_^

In questi giorni stiamo provando a ciucciare un po’ di frutta, arancia, pera…ridendo e scherzando fra 2 settimane si inizia a svezzare! Sono già passati 6 mesi, non ci posso credere ancora.
Il ragazzo apprezza questi nuovi sapori, ma ciò nonostante non ho ancora deciso se sarò del partito ‘autosvezzamento’ o pappine. Credo che alla fine opterò per un misto, l’Idea che gli possa andare qualcosa di traverso mi spaventa parecchio e visto che non sono riuscita ancora a trovare un corso di manovra di disostruzione in zona preferisco non rischiare. Vediamo quale sarà la sua reazione a corpi estranei gradualmente prima di essere colta impreparata.

Ora torniamo a curarci ossessivamente che sabato abbiamo un bellissimo costume da tigrotto da sfoggiare! ^_^

FL

E tu dormi, dormi …

Notte difficilina, Dennis non voleva saperne di addormentarsi, preferiva urlare e giocare. Dopo vari chilometri percorsi in corridoio si è un po’ calmato e sono riuscita a farlo addormentare tenendogli il ciuccio nel lettone.
Alle 3 circa comincia a ballare la samba in previsione della sua poppata delle 4, arriva l’orario e lo cambio e lo faccio mangiare. Ovviamente sulle ultime note della poppata arriva puntuale lei, la scarica di cacca.
Dal momento che non si riaddormenta subito mi faccio forza e coraggio e vado a ricambiarlo. Maciniamo qualche centinaio di metri per il corridoio, ma di dormire neanche la minima intenzione, intanto il papone si rifugia sul divano (poco male, tanto aveva già iniziato con la segheria da tempo).
Sfiniti ci mettiamo nel lettone, mi rassegno, staremo li a giocare fino a quando non crolla.
Mi sdraio vicino a lui, lui si gira verso di me e mi guarda. E io guardo lui, è bello, bellissimo, con i suoi occhioni profondi, le guanciotte paffutelle, mi sorride e mi salgono le farfalle nello stomaco.
Dopo mezz’oretta socchiude gli occhi, testa contro testa, sorride e si addormenta piano piano.
Avrei potuto spegnere la luce e fare altrettanto ma resto a guardarlo ancora un po’, tutta questa bellezza mi aveva fatto dimenticare che avevo sonno.
Non l’avevo mai visto addormentarsi così da vicino, c’era tra noi un’intesa e una pace che non si possono descrivere a parole, ma che sicuramente voi mamme capirete.
Questa è una delle cose che catalogherei nella ”Vera Bellezza”
Se stanotte dormirò poco me ne farò una ragione, si può essere felici anche senza dormire.
Ora vado a farmi un insulina ;P
FL